Al momento stai visualizzando Al teatro Verdi di Pordenone, martedì 30 aprile i giovani compositori del Conservatorio di Udine sul palco per la rassegna I Concerti delle 18

Al teatro Verdi di Pordenone, martedì 30 aprile i giovani compositori del Conservatorio di Udine sul palco per la rassegna I Concerti delle 18

  • Categoria dell'articolo:Pordenone
  • Autore dell'articolo:

UN “MANIFESTO” PER LA MUSICA CONTEMPORANEA: APPUNTAMENTO AL TEATRO VERDI DI PORDENONE CON I CONCERTI DELLE 18. MARTEDÌ 30 APRILE, SUL PALCOSCENICO DEL VERDI VERRANNO PROPOSTI BRANI SCRITTI DA GIOVANI COMPOSITORI DEL CONSERVATORIO JACOPO TOMADINI DI UDINE, ESEGUITI DAI MUSICISTI DEL CONSERVATORIO STESSO.

A INTRODURRE L’ESIBIZIONE SARÀ IL MAESTRO VIRGINIO ZOCCATELLI, COMPOSITORE E DIRETTORE DEL CONSERVATORIO DI UDINE, NEL PENULTIMO APPUNTAMENTO DEI CONCERTI DELLE 18, CARTELLONE CURATO DAL TEATRO VERDI COL SUPPORTO DI FONDAZIONE FRIULI

PORDENONE – In un brillante commento pubblicato sul quotidiano inglese The Guardian qualche anno fa, venivano elencati – smontandoli – alcuni preconcetti che accompagnano la musica contemporanea: non suona come un cancello stridulo, non è inaccessibile, non richiede necessariamente una preparazione accademica per essere apprezzata, non è irrilevante. Un “manifesto” programmatico testimoniato nella pratica nel concerto di martedì 30 aprile 2019, alle 18 al Teatro Verdi di Pordenone con protagonisti i compositori dell’Ensemble del Laboratorio di Composizione del Conservatorio Tomadini di Udine le cui opere verranno eseguite da interpreti del Conservatorio, nell’ambito della rassegna I Concerti delle 18, cartellone realizzato dal Teatro con la Fondazione Friuli.

L’appuntamento concertistico è la conferma che la musica contemporanea vive una bella stagione e merita di essere avvicinata al grande pubblico. A introdurre il concerto sarà il maestro Virginio Zoccatelli, direttore del Conservatorio statale Jacopo Tomadini di Udine oltre che compositore.

Il programma prenderà avvio con la Sonata op. 1 di Sergej Prokof’ev seguita da Hephistos di Lorenzo Gioco, Vedrenje di Ingrid Macus, A una donna (per pianoforte solo) di Marianna Acito, Ritratto con tormento di Luisa Valeria Carpignano. E ancora, Cantéyodjaya di Olivier Messiaen, Il tango delle prugne verdi di Arianna Plazzotta, The goodest robot (a mechanical pop song) di Felice Di Paolo. Le composizioni saranno eseguite dai musicisti Nadežda Perović, Colavitto, Burato, Matteo Di Bella, Lorenzo Ritacco, Kamilla Karginova, Felice Di Paolo, Marianna Acito, Alessandro Del Gobbo, Lorenzo Gioco, Sergio Bernetti, Maria Lincetto, Ingrid Macus, Eleonora Pitis, Renato Miani.

L’appuntamento sarà a ingresso gratuito, programmato sul Palcoscenico del Teatro. I Concerti delle 18 è la nuova rassegna che mira a promuovere musicisti della nuova generazione in appuntamenti concertistici dal carattere divulgativo: un viaggio alla scoperta della grande musica condotto da nuove generazioni di interpreti. Protagonisti sono musicisti che provengono dal Conservatorio di Udine (che ha curato tre appuntamenti di cui quello di martedì 30 aprile), nuovi interpreti o eccellenze del territorio. Dopo l’Ensemble del Laboratorio di composizione, concluderà la rassegna I Concerti delle 18 l’appuntamento del 12 maggio, quando a esibirsi al violino sarà il giovane pordenonese Nicola di Benedetto in duo con Boris Iliev al pianoforte, con un repertorio che comprende composizioni di César Franck, Maurice Ravel, Edvard Grieg, Pablo de Sarasate.