Al momento stai visualizzando Artefici – Residenze creative FVG, prova aperta del laboratorio ‘Kissing strangers’ domenica 12 maggio

Artefici – Residenze creative FVG, prova aperta del laboratorio ‘Kissing strangers’ domenica 12 maggio

Gli allievi guidati da Giuliano Scarpinato hanno lavorato da novembre

Appuntamento aperto a tutti, domenica 12 maggio alle 16.30, alla Sala Bergamas di Gradisca d’Isonzo

 

Con il progetto ARTEFICI. Residenze creative FVG ArtistiAssociati mette in dialogo artisti e compagnie italiani e internazionali delle arti performative (in particolare teatro e danza) con il territorio goriziano attraverso la pratica della residenza artistica e, successivamente, con la restituzione e lo scambio degli artisti con il pubblico.

Domenica 12 maggio 2019, alle 16.30, alla Sala Bargamas di Gradisca d’Isonzo, gli allievi dell’attore, regista e drammaturgo Giuliano Scarpinato, restituiranno, con una prova aperta al pubblico, il lungo lavoro svolto in questi mesi a Gorizia, nelle accoglienti sale del Teatro Verdi. I ragazzi si sono impegnati in un’attenta ed accurata indagine su se stessi e sul modo di vivere l’adolescenza e di rapportarsi agli altri e agli adulti.

Il workshop iniziato a novembre 2018 dal titolo ‘Kissing strangers – Comizi d’amore con la generazione Z un nuovo alfabeto dei sentimenti’ è stato un percorso di dialogo e confronto con gli adolescenti invitati a prendere la parola e a definirsi in libertà. Si è parlato così del nuovo alfabeto dei sentimenti: Cosa pensano dell’amore gli adolescenti di oggi, i Centennials, la cosiddetta “generazione Z”? Come definiscono sé stessi in base all’altro? Nell’epoca della digitalizzazione dilagante, della desaturazione dei rapporti umani sulle piattaforme social, di facebook, whatsapp e instagram, della perenne sottrazione al dialogo, al confronto diretto, come si ridefinisce l’alfabeto dei sentimenti? Quali i suoi possibili usi? Ed ancora, come pensano il proprio corpo gli adolescenti? E quello dell’altro? In che modo si rapportano a quelli che ancora oggi possono essere definiti “tabù”? È possibile parlare distintamente di sessualità e di sentimenti?