Al momento stai visualizzando ARTEFICI.ResidenzeCreativeFVG,  il bando ArtistiAssociati fa il pieno di domande: ben 115 le compagnie e gli artisti che hanno presentato il proprio progetto

ARTEFICI.ResidenzeCreativeFVG, il bando ArtistiAssociati fa il pieno di domande: ben 115 le compagnie e gli artisti che hanno presentato il proprio progetto

ARTEFICI.ResidenzeCreativeFVG

Il bando ArtistiAssociati fa il pieno di domande

Ben 115 le compagnie e gli artisti che hanno presentato il proprio progetto

I nuovi commissari esterni: Erika Baron, responsabile ufficio programmazione ERT e il drammaturgo Gianni Clementi

Con il progetto ARTEFICI.ResidenzeCreativeFVG ArtistiAssociati mette in dialogo artisti e compagnie italiani e internazionali delle arti performative (in particolare teatro e danza) con il territorio goriziano attraverso la pratica della residenza artistica e, successivamente, con la restituzione e lo scambio degli artisti con il pubblico.

La call per il secondo anno di Residenze artistiche ha richiamato l’attenzione di tantissimi soggetti: ben 115 le proposte di compagnie e artisti presentate al bando 2019. Un successo inaspettato e particolarmente gradito che chiamerà la commissione a un lavoro di tutto rispetto per il vaglio dei progetti. Oltre ai commissari interni di a.ArtistiAssociati, Walter Mramor, Tatiana Castellan e Chiara Cardinali, quest’anno faranno parte del gruppo di esaminatori anche Erika Baron (foto sopra), responsabile dell’ufficio programmazione dell’Ente Teatrale Regionale del Friuli Venezia Giulia e il drammaturgo Gianni Clementi.

Gianni Clementi

 

Sono state individuate tre linee di indagine a cui ispirarsi per le domande: l’adolescenza e la ricerca di linguaggi specifici con i quali entrare in contatto con questa particolare fascia d’età; la drammaturgia contemporanea nelle diverse accezioni; il territorio, ovvero stimolare gli artisti e/o compagnie ospiti nell’intraprendere percorsi progettuali che possano interagire col territorio e sviluppare la creatività dei cittadini. Un ulteriore segmento, a chiamata, punterà sulla danza di ricerca anche per dare continuità allo straordinario rapporto creatosi fra artisti e territorio durante l’edizione NID PLATFORM 17 svoltosi a Gorizia due anni fa.