Al momento stai visualizzando Il comico romagnolo Giuseppe Giacobazzi protagonista mercoledì 20 marzo al Teatro La Contrada di Trieste

Il comico romagnolo Giuseppe Giacobazzi protagonista mercoledì 20 marzo al Teatro La Contrada di Trieste

  • Categoria dell'articolo:Trieste
  • Autore dell'articolo:

Scoppio Spettacoli, in collaborazione con Teatro Stabile La Contrada

Presenta

IL MEGLIO DELLA COMICITÀ ITALIANA AL TEATRO STABILE LA CONTRADA DI TRIESTE

 

DOPO GLI SHOW DEL DUO ALE E FRANZ E DI NATALINO BALASSO, IL 20 MARZO 23019 SARÀ LA VOLTA DEL GRANDE

GIUSEPPE GIACOBAZZI, CON IL NUOVO SPETTACOLO “NOI – MILLE VOLTI E UNA BUGIA”

 TRIESTE, Teatro Stabile La Contrada_ore 20.30

 

Il meglio della comicità protagonista al Teatro Stabile La Contrada di Trieste. Dopo gli applauditissimi spettacoli del duo Ale e Franz e dell’istrione Natalino Balasso, domani, mercoledì 20 marzo 2019 (ore 20.30), sarà la volta di un altro re del teatro comico italiano: Giuseppe Giacobazzi. Sul palco di Trieste il comico romagnolo porterà il suo nuovo spettacolo  “Noi – Mille volti e una bugia”, con il quale sta conquistando i teatri di tutta Italia e che vedrà anche una seconda replica in regione il prossimo 19 maggio a Teatro Nuovo Giovanni da Udine. Gli ultimissimi biglietti per lo spettacolo di domani saranno in vendita alle biglietterie del teatro prima dello spettacolo dalle 19.00. Tutte le info suwww.scoppiospettacoli.it e www.contrada.it .

Andrea Sasdelli alias Giuseppe Giacobazzi, ovvero l’uomo e la sua maschera. “Noi – Una maschera e mille bugie” è un dialogo, interiore ed esilarante, di 25 anni di convivenza a volte forzata. 25 anni fatti di avventure ed aneddoti, situazioni ed equivoci, gioie e malinconie, sempre spettatori e protagonisti di un’epoca che viaggia a velocità sempre maggiore. Dove in un lampo si è passati dalla bottega sotto casa alle “app” per acquisti, dal ragù sulla stufa ai robot da cucina programmabili con lo smartphone; il tutto vissuto dall’uomo Andrea e raccontato dal comico Giacobazzi. Come in uno specchio, o meglio come in un ritratto (l’omaggio a Dorian Gray è più che voluto), dove questa volta ad invecchiare è l’uomo e non il ritratto. Sono proprio questi i “Noi” che vediamo riflessi nei nostri mille volti (i rimandi letterari non mancano, dal già citato Wilde a Pirandello, da Orwell a Hornby), convivendo, spesso a fatica con la bugia del compiacerci e del voler piacere a chi ci sta di fronte.

 

PER INFORMAZIONI:

Scoppio Spettacoli:  tel. +39 0437 948874 – info@scoppiospettacoli.it

Teatro Stabile La Contrada: tel. +040 948471 / 390613 – contrada@contrada.it