Al momento stai visualizzando Il grande pianista Roberto Cappello al Palamostre di Udine martedì 16 aprile per l’ultimo appuntamento in cartellone degli Amici della Musica

Il grande pianista Roberto Cappello al Palamostre di Udine martedì 16 aprile per l’ultimo appuntamento in cartellone degli Amici della Musica

97° STAGIONE AMICI DELLA MUSICA

UDINE, PALAMOSTRE (ultimo concerto in cartellone)

MARTEDI’ 16 APRILE 2019, ORE 20:22

ROBERTO CAPPELLO – pianoforte

Musiche di Ciaikovskij e Albeniz

Si chiude con un atteso recital pianistico la 97a stagione degli Amici della Musica di Udine: martedì 16 aprile 2019 alle ore 20:22 torna al Palamostre Roberto Cappello, star del panorama internazionale. Tecnica trascendentale, raffinatissima sensibilità artistica e spirituale e costante impegno intellettuale nella scelta del repertorio, pongono l’arte interpretativa di Roberto Cappello ai vertici del concertismo contemporaneo. Dopo la vittoria del Premio Busoni (’76), ha iniziato una grande e nobile carriera che l’ha visto acclamato protagonista nelle sale più prestigiose di tutto il mondo, sia nelle vesti di solista, sia con orchestra e formazioni da camera. Affianca con esemplare impegno l’attività didattica, tra masterclass, seminari e corsi di perfezionamento. In virtù della sua riconosciuta capacità di un giudizio sereno ed obiettivo, è costantemente invitato a presiedere illustri giurie di concorsi pianistici.

Il programma della serata prevede due magnifiche opere, a partire da “Le stagioni” op. 37 di Ciaikovskij, apoteosi dell’intimismo in musica, dodici miniature che sono un vero concentrato di espressività, un percorso emotivo che conduce lo spettatore in altrettanti quadri musicali, da gennaio a dicembre. Altra atmosfera quella della “Suite española” op. 47 di Albeniz, otto brani dedicati a diverse zone della Spagna: Granada (serenata), Cataluña (corranda), Sevilla (sevillanas), Cádiz (canción), Asturias (leyenda), Aragón (fantasia), Castillas (seguidillas) e chiusura con Cuba (notturno in forma di habanera).

La stagione è stata realizzata grazie al contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Fvg, Fondazione Friuli e Comune, il patrocinio di Osce e Ambasciata di Spagna, il sostegno della Banca di Udine Bcc ed Eurotech, in sinergia con Ert, Università, Fondazione Renati, Filologica Friulana, Unesco e Tx2.