Al momento stai visualizzando “La città che cura”, il 17 aprile al cinema Ariston di Trieste il film di Erika Rossi e il libro di Giovanna Gallio / Maria Grazia Cogliati Dezza

“La città che cura”, il 17 aprile al cinema Ariston di Trieste il film di Erika Rossi e il libro di Giovanna Gallio / Maria Grazia Cogliati Dezza

  • Categoria dell'articolo:Trieste
  • Autore dell'articolo:

UN’ALTRA CITTÀ PRESENTA
MERCOLEDI’ 17 APRILE 2019
A TRIESTE, CINEMA ARISTON

LA CITTÀ CHE CURA

SI PRESENTA PER LA PRIMA VOLTA AL PUBBLICO IL LIBRO DI GIOVANNA GALLIO E MARIA GRAZIA COGLIATI DEZZA, EDITO COLLANA 180. E IL FILM DI ERIKA ROSSI PER LA PRIMA VOLTA

IN SALA DOPO L’ANTEPRIMA A TRIESTE FILM FESTIVAL.

DUE PROIEZIONI, ALLE 17 E ALLE 20. ALLE 18.30 IL PANEL DI PRESENTAZIONE DEL LIBRO: LE AUTRICI GIOVANNA GALLIO E MARIA GRAZIA COGLIATI DEZZA CONVERSERANNO CON LA REGISTA ERIKA ROSSI E CON L’ECONOMISTAFABRIZIO BARCA, PROMOTORE DEL FORUM“DISEGUAGLIANZE E DIVERSITÀ”. COORDINA L’INCONTRO LA GIORNALISTA GIOIA MELONI.

TRIESTE – Entrare in punta di piedi, con delicata attenzione, in una periferia come tante, quella di Ponziana a Trieste. La solitudine, le difficoltà, la mancanza di reti sociali rendono faticosa la vita degli abitanti. Ma con un progetto pensato e ritagliato su misura le persone possono diventare protagoniste della loro stessa cura: questo il filo rosso del libro “La città che cura – Microaree, periferie della salute” a cura di Giovanna Gallio e Maria Grazia Cogliati Dezza (Collana 180 – Edizioni Alphabeta Verlag, 2018) e del film di Erika Rossi “La città che cura” (The Caring City, Italia 2018, 89’ – TICO film). Un libro e un documentario per guardare alla città di chi spesso non ha voce e alle “cure” messe in atto per dare ascolto e futuro ai bisogni quotidiani di chi abita le periferie urbane. Un’altra città, la nuova rete nata a Trieste per promuovere l’ascolto e il dialogo fra le persone – e offrire uno spazio per condividere le paure, i desideri, le speranze, la rabbia e le critiche – organizza un evento culturale aperto a tutti: mercoledì 17 aprile 2019 al Cinema Ariston di Trieste alle 17 e alle 20 la proiezione del film, che per la prima volta arriva in sala dopo l’anteprima a Trieste Film Festival(biglietto 5 €). E alle 18.30 appuntamento con il panel che per la prima volta presenterà pubblicamente il libro e offrirà un momento di confronto sui temi messi in campo: parteciperanno le autrici Giovanna Gallio e Maria Grazia Cogliati Dezza, la regista Erika Rossi e l’economista Fabrizio Barca, promotore del Forum “Diseguaglianze e diversità”. Conduce l’incontro la giornalista Gioia Meloni, responsabile della struttura dei programmi RAI Friuli Venezia Giulia. L’ingresso all’incontro è libero.

libro la città che cura

Il film e il libro puntano con espedienti narrativi diversi a uno sguardo delicato e insieme penetrante sulle periferie. Nel film si entra, quasi in punta di piedi, nelle pieghe più sconosciutedella “banale” quotidianità di un rione popolare: seguendo le storie di Plinio, un anziano pianista che per tutta la vita ha suonato sulle navi da crociera e che adesso, ipocondriaco, si rifiuta di uscire di casa; di Roberto, che affronta la fatica di vivere dopo un grave ictus; e di Maurizio, che paga lo scotto e le conseguenze di una devastante passione per le droghe. Le storie sono anche l’espediente per parlare delle “Microaree”, il progetto innovativo che in venti rioni di Trieste cerca di costruire integrazione e collaborazione tra tutte le istituzioni impegnate in quella piccola area di territorio: dall’Azienda Sanitaria, ai Servizi Sociali del Comune, all’Ater, alla cooperazione sociale, alle associazioni, ai cittadini attivi. Nel libro sono invece raccolti piccoli saggi sul lavoro della “Microarea” e narrazioni di singolari protagonisti, operatori dei servizi e pazienti. Coinvolgendo cittadini e associazioni del quartiere si creano relazioni, si conoscono le persone e i loro bisogni, si cerca di stare insieme e condividere i problemi di ogni giorno. Ciò che si mette in pratica da dieci anni è una nuova visione del mondo, un’attitudine, un modo di essere, di curare, di fare salute.