LimaCorporate punta sulla motivazione dei dipendenti: premi e ulteriore reintegro della cassa integrazione al raggiungimento degli obiettivi

LimaCorporate punta sulla motivazione dei dipendenti: premi e ulteriore reintegro della cassa integrazione al raggiungimento degli obiettivi

SAN DANIELE DEL FRIULI – LimaCorporate annuncia la sua fase 3: nuove integrazioni di salario, sistema incentivante semplificato, obiettivi rivisti in base alla nuova situazione di mercato 2020 e conferma di un rientro scaglionato per gli impiegati in azienda.

LimaCorporate ha comunicato il 12 giugno, nel corso di una videoconferenza a tutti i dipendenti, le novità della propria fase 3. All’ordine del giorno il rientro alternato per gli impiegati – che per la maggior parte continueranno a usufruire della modalità smart working – e disposizioni di sicurezza e regole da tenere in azienda all’insegna della cautela e della tutela della salute e del business. Ma non solo: sono state annunciate importanti novità su integrazione degli stipendi, premi e piani di incentivazione.

In un momento in cui molte aziende faticano a riportare in equilibrio economico la propria attività, LimaCorporate sceglie di far leva sulla motivazione dei propri dipendenti. I lavoratori dell’azienda potranno infatti godere dell’integrazione degli stipendi, portandoli al 100% del loro valore abituale, anche per le prime 9 settimane di utilizzo degli ammortizzatori sociali. (Si ricorda che LimaCorporate sta già integrando al 100% gli stipendi della seconda tranche di settimane di cassa integrazione). Tutto questo previo raggiungimento di un determinato obiettivo di fatturato. L’azienda vuole spingersi ancora oltre e presenta così un nuovo piano incentivante semplificato, che prevede la revisione degli obiettivi aziendali tenendo conto della situazione economica creatasi a causa dell’epidemia di Coronavirus. Tutti i lavoratori della sede centrale, sia appartenenti a funzioni di produzione che di staff, avranno come unico obiettivo comune il raggiungimento di un determinato livello di fatturato. Per i dipendenti stranieri verrà invece valutato anche il risultato per l’area geografica di riferimento. Relativamente al Premio di Risultato, per i dipendenti delle sedi di Villanova, Milano e Segesta è già stata attivata una trattativa con le parti sociali.

“Lo spirito Lima è più forte che mai” esordisce Luigi Ferrari CEO dell’azienda, “i nostri dipendenti sono fortemente motivati e hanno una gran voglia di ripartire. L’hanno dimostrato benissimo in tutti questi mesi di lockdown. Sono pronto, insieme al Management Team e ai nostri Azionisti, a sostenere questa motivazione e a premiarla al raggiungimento degli obiettivi recentemente rivisti. Il nostro capitale umano ha un valore inestimabile per la nostra azienda, con queste ultime iniziative vogliamo dimostrarlo con i fatti a tutti i nostri collaboratori” prosegue Ferrari.

I dati registrati da LimaCorporate nelle ultime settimane segnalano che è in corso una graduale ma rapida ripartenza, fenomeno positivo che conferma la sua solida presenza e competitività sul mercato.