Al momento stai visualizzando LunedìCinema, al Comune di Cormons  c’è “Vice-L’uomo nell’ombra” di Adam McKay

LunedìCinema, al Comune di Cormons c’è “Vice-L’uomo nell’ombra” di Adam McKay

a.ArtistiAssociati e CircuitoCinema

Prosegue il lunedì sera, alle 21 la rassegna al Teatro Comunale di Cormons

Il 4 febbraio in programma ‘Vice-L’uomo nell’ombra’di Adam McKay

 Per la rassegna LunedìCinema che a.ArtistiAssociati propone in collaborazione a Visioni d’Insieme, il Teatro Comunale di Cormons ospiterà lunedì 4 febbraio 2019, con proiezione unica alle 21, ‘Vice-L’uomo nell’ombra’ di Adam McKay con Christian Bale, Amy Adams, Steve Carell, Sam Rockwell, Tyler Perry, Alison Pill.

‘Vice-L’uomo nell’ombra’di Adam McKay

La storia. VICE – L’uomo nell’ombra, il film diretto dal Premio Oscar Adam McKay, racconta in modo inedito e non convenzionale l’ascesa al potere dell’ex vicepresidente degli USA Dick Cheney, da stagista del Congresso a uomo più potente del pianeta. Un uomo riservatissimo che ha cambiato il mondo come pochi leader negli ultimi cinquant’anni.Attraversando mezzo secolo, il complesso viaggio di Cheney, da operaio elettrico del rurale Wyoming a Presidente de facto degli Stati Uniti, offre una prospettiva interna, a volte amara e spesso inquietante, sull’uso e l’abuso del potere istituzionale. Guidato dalla sua straordinaria e fedelissima moglie, Lynne, e avendo come mentore il brusco e spavaldo Donald Rumsfeld, Cheney si insinua nel tessuto politico di Washington DC durante l’amministrazione Nixon, diventando Capo dello Staff della Casa Bianca sotto Gerald Ford e, dopo cinque mandati nel Congresso, Segretario alla Difesa per George Bush padre. Nel 2000 rinuncia alla sua posizione di C.E.O. di Halliburton per ricoprire il ruolo di vicepresidente di George W. Bush, con l’implicito accordo che avrebbe esercitato un controllo quasi totale. Un co-presidente in tutto e per tutto, tranne che per il nome. Le astute e segrete manovre politiche di Cheney hanno modificato il panorama politico americano in modi che continueranno a riecheggiare per i decenni a venire.

La rassegna proseguirà l’11 febbraio con ‘Una notte di 12 anni’ di Alvaro Brechner, il 18 con ‘Green Book’ di Peter  Farrelly e il 25 febbraio con ‘La favorita’ Yorgos Lanthimos.

 

Martina Apollonio

Ufficio Stampa