Al momento stai visualizzando Pasolini Bibliografia Friulana, nuovo portale on line nell’ambito di un progetto di collaborazione  tra Centro Studi Pasolini di Casarsa e Società Filologica Friulana

Pasolini Bibliografia Friulana, nuovo portale on line nell’ambito di un progetto di collaborazione  tra Centro Studi Pasolini di Casarsa e Società Filologica Friulana

  • Categoria dell'articolo:Udine
  • Autore dell'articolo:

È stato presentato lo scorso 14 luglio a Casarsa della Delizia nella sede del Centro Studi Pasolini di Casa Colussi Pasolini il portale on line Pasolini Bibliografia Friulana, un innovativo strumento per conoscere le opere di Pier Paolo Pasolini che hanno un diretto rapporto con il Friuli: perché sono state scritte, pubblicate o stampate in Friuli, perché sono in lingua friulana, oppure perché citano luoghi, donne, uomini del Friuli. 

Molti autori in tutto il mondo hanno indagato queste relazioni scrivendone in monografie, articoli, saggi e recensioni. Non sempre però è facile individuare questi materiali e dare riposta alle domande di chi vuole comprendere meglio il forte legame esistente tra Pasolini e il Friuli, il friulano e i friulani.

Per dare risposte a queste esigenze di studio e ricerca, grazie all’accordo di collaborazione tra il Centro Studi “Pier Paolo Pasolini” e la Società Filologica Friulana, è stato sviluppato un ambizioso progetto, ideato e definito da Pier Giorgio Sclippa, che ha visto la realizzazione di  www.pasolinibibliografiafriulana.it, il portale on line attraverso il quale è possibile interrogare un data base in continuo aggiornamento, che contiene approfondite schede bibliografiche, arricchite dalle relazioni indispensabili per identificare precisamente le fonti: è possibile ad esempio sapere quando e dove Pier Paolo Pasolini ha utilizzato gli pseudonimi Pieri Fumul o San Pieri, oppure quali sono state le prime recensioni di “Poesie a Casarsa”, dove sono state pubblicate per la prima volta e quali sono le edizioni successive, quante copie sono state stampate e se ci sono copie con dediche autografe dell’autore conservate in qualche biblioteca.

La data scelta per la presentazione di questo portale ha un preciso significato: il 14 luglio 1942, infatti, l’Anonima Arti Grafiche di Bologna finiva di stampare per la Libreria Antiquaria di Mario Landi la raccolta di “Poesie a Casarsa”: a ottant’anni da quella data e nell’anno in cui ricorre il centenario della nascita del grande intellettuale, il Centro Studi e la Società Filologica hanno inteso celebrare questo doppio anniversario con la presentazione di uno strumento così importante e innovativo.

Un nuovo portale on line nell’ambito di un progetto di collaborazione 

tra il Centro Studi Pasolini di Casarsa e la Società Filologica Friulana