Soplaya, la start-up udinese, estende il proprio servizio in supporto a negozi alimentari e gastronomie del FVG

Soplaya, la start-up udinese, estende il proprio servizio in supporto a negozi alimentari e gastronomie del FVG

Non c’è un problema che non sia anche una grande opportunità. Lo sa bene Soplaya, start-up friulana con base operativa a Udine, nata con l’obiettivo di creare una connessione diretta fra chef e produttori, che, nonostante la complessità del momento, non solo non demorde, ma raddoppia, ponendosi da oggi come punto di riferimento anche di tutti i negozi alimentari e gastronomie del Friuli Venezia Giulia e del vicino Veneto. 

Dopo tre anni di attività e con oltre 8.000 prodotti d’eccellenza a catalogo, la start up friulana a ha infatti deciso di estendere il proprio servizio, oltre che ai ristoranti, anche a negozi alimentari, botteghe di paese e piccole gastronomie. Luoghi dove aleggiano profumi ricercati, capaci di conquistare una clientela sempre più esigente. “Una singolare strategia di diversificazione, volta, appunto, a cogliere nuove opportunità”. 

I commercianti, dunque, potranno accedere ad un ampio ventaglio di prodotti, difficili da reperire altrove e a prezzi decisamente vantaggiosi. Inoltre, grazie al contatto diretto con i produttori, avranno la possibilità di richiedere eventuali modifiche circa formati e quantità, in base alle loro reali esigenze. 

Riguardo agli ordini, invece, potranno essere effettuati in autonomia e in un click, dal proprio smartphone o computer. In alternativa, un consulente dedicato fornirà tutto l’aiuto necessario alla buona riuscita dell’ordine, con consigli dettagliati sui diversi prodotti, al fine di guidare il cliente verso una scelta consapevole ed in linea con l’offerta aziendale. 

“I nostri produttori sono abituati a vendere le proprie eccellenze a clienti privati, che magari abitano nelle immediate vicinanze. Dunque, l’estensione del nostro servizio al di fuori del mercato Ho.Re.Ca, ha un duplice beneficio: da un lato, i negozianti hanno la possibilità di offrire prodotti unici, capaci di differenziarli dalla concorrenza; dall’altro, i produttori possono ampliare il proprio portfolio clienti, senza pensare a consegne, ordini, pagamenti e fatture ecc. Di tutti questi aspetti, infatti, se ne occupa Soplaya che, tra l’altro, garantisce ai propri clienti l’assenza di ordine minimo e consegne sempre gratuite.” spiega in un comunicato del 17 novembre 2020 Valentina Giordano, responsabile Vendite di Soplaya. 

In questi ultimi anni, Soplaya ha ampliato la propria rete di produttori, fino a raggiungere quota 200. E ogni giorno, nelle sedi di Udine e di Padova, confluiscono prodotti freschi e genuini, tra prodotti tipici, stagionali, slow-food, biologici, eccetera. Dunque, quello che Soplaya oggi è in grado di offrire ai commercianti è un paniere esclusivo di specialità enogastronomiche con cui stuzzicare la propria clientela. 

“Intervistando decine di esercenti abbiamo notato che molti avvertono la mancanza di un esperto in materia agroalimentare, che sappia guidarli nelle loro scelte, aiutandoli non solo a definire il giusto prezzo di vendita dei prodotti, ma anche a raccontarli in modo appropriato. Per questo motivo, alla nostra App, abbiamo affiancato consulenti dedicati, capaci di supportare concretamente i negozianti” conclude Bruno De Figueredo, responsabile Marketing di Soplaya. 

Il timore di un nuovo lockdown, con ogni probabilità, aumenterà la richiesta di consegne a domicilio da parte dei privati, anche presso quei produttori che si occupano di vendita diretta. Soplaya ha perciò deciso di offrire loro la possibilità di affidarsi al proprio servizio logistico – ovviamente a prezzi agevolati – per gestire le consegne, che attualmente vengono effettuate in autonomia e, spesso, in condizioni di precarietà. 

Tramite questa iniziativa, Soplaya intende continuare la propria marcia verso la costituzione di un sistema alimentare più vario, trasparente e sostenibile – senza necessità di scendere ai compromessi associati alla produzione di massa – sostenendo attivamente la biodiversità e la filiera corta. 

Per registrarsi gratuitamente, è sufficiente visitare il sito www.soplaya.com