You are currently viewing Ultimo appuntamento con Affascinati dal Cervello 2021: “Mental training: quando la testa conta più dei muscoli” giovedì 14 ottobre a Pordenone
Marcella Bounous

Ultimo appuntamento con Affascinati dal Cervello 2021: “Mental training: quando la testa conta più dei muscoli” giovedì 14 ottobre a Pordenone

I muscoli contano, indubbiamente, nello sport. Ma a volte conta più la testa: lo dimostrano i risultati degli atleti seguiti anche a questo livello, moltissimi vittoriosi alle recenti Olimpiadi di Tokyo 2020. Proprio di “Mental training” si parlerà giovedì 14 ottobre, in occasione dell’evento conclusivo della 14^ edizione del ciclo “Affascinanti dal Cervello”, organizzato dall’IRSE – Istituto Regionale di Studi Europei di Pordenone, dedicato a “Cervelli in movimento”. Appuntamento alle 17.30 nell’Auditorium della Casa dello Studente Antonio Zanussi di Pordenone per un focus dedicato al ruolo delle neuroscienze nello sport: relatrice sarà la psicologa dello Sport Marcella Bounous, docente e direttrice del Master universitario di Psicologia dello Sport all’Istituto Universitario Salesiano Venezia, affiancata da Alessandro Neri allenatore nazionale arrampicata sportiva, istruttore Fasi, insegnante di educazione fisica, scrittore, negli anni ’80 giovane arrampicatore dei Ragazzi dello Zoo di Erto. A portare la propria testimonianza, inoltre, saranno Massimo Passeri Presidente Panathlon club Pordenone e maratoneta, ed Ennio Martin, psicologo, psicoterapeuta coordinatore area psicopedagogica Pordenone Calcio. Le prenotazioni sono obbligatorie per assistere in presenza, gratuitamente. Diretta streaming. Info e dettagli: bit.ly/IRSE_SportCervelli2021. Come consuetudine degli incontri IRSE, ampio spazio è dato al dibattito con interventi liberi. Durante gli incontri in presenza verranno rispettate le misure vigenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID.
Marcella Bounous da anni si occupa di preparazione mentale di atleti professionisti, e non, sia di sport individuali che di squadra. «La presenza dello psicologo a “bordo campo” non è sempre necessaria – osserva – il lavoro con gli atleti punta a renderli indipendenti, attraverso uno scambio anche quotidiano di dati. Un percorso di psicologia dello sport incide positivamente sulla prestazione, perchè allena le abilità mentali coinvolte nella performance, ovvero l’attenzione e la concentrazione, il decision making, le capacità immaginative e di visualizzazione, la capacità di recuperare da un errore o da una sconfitta». Marcella Bounous è esperta della Scuola Regionale dello Sport del Veneto e docente IUSVE, oltre che direttrice del Master Universitario di I livello in Psicologia dello Sport presso la stessa università. Alessandro Neri è allenatore nazionale di arrampicata sportiva, istruttore Fasi, insegnante di educazione fisica, autore di Zampe all’aria (Idea Montagna Edizioni, 2012). Negli anni ’80 giovane arrampicatore dei Ragazzi dello Zoo di Erto. «…classe 1963, arrampico dal 1979 (alpinismo e arrampicata sportiva); diploma Isef Padova nel 1990 con tesi sull’arrampicata sportiva; insegnante di educazione fisica; istruttore Fasi dal 1994; tracciatore di 2° livello dal 2009, allenatore nazionale dal 2012, formatore di istruttori; oltre 150 vie dall’8a all’8c. Seguo giovani appassionati provenienti da corsi e gruppi sportivi soprattutto nell’attività agonistica ufficiale (gare patrocinate dalla Fasi), oltre a proporre loro un metodo, un percorso di conoscenza e divertimento nello splendido viaggio dell’arrampicata sportiva evolutiva».