Al momento stai visualizzando Le aziende a caccia di informazioni per il post Brexit

Le aziende a caccia di informazioni per il post Brexit

Dal Fvg esportazioni per oltre 723 milioni di euro, con Uk primo mercato per i mobili

Le aziende a caccia di informazioni per il post Brexit  

«L’Italia rischia di perdere 4,5 miliardi di export difficilmente riassorbibili da altri mercati», ha spiegato il direttore generale Ice intervenendo all’approfondimento organizzato dalla Cciaa di Pordenone-Udine

 

Quello del Regno Unito è un mercato che, per l’export 2018 del Fvg, vale oltre 723 milioni di euro: esportiamo soprattutto mobili (per il 40% dell’export, ossia il primo mercato in assoluto e ancora in crescita tra 2017 e 2018), ma anche macchinari, apparecchi per uso domestico, articoli in materie plastiche, apparecchi per le telecomunicazioni, alimentari e bevande (in particolare vino). Un mercato su cui le ancora incerte modalità della Brexit influiranno non poco, soprattutto in caso di “no deal” o di uscita disordinata, come è stato evidenziato all’approfondimento specializzato, organizzato per le imprese friulane dalla Camera di Commercio di Pordenone-Udine tramite Promos Italia assieme All’Agenzia delle Dogane, con la partecipazione di Ice e dei funzionari dell’agenzia delle dogane stessa. Una giornata informativa che si è svolta in contemporanea a livello nazionale ed è stata declinata su tutti i territori, per quello friulano a Udine il mattino e Pordenone nel pomeriggio.

Il Regno Unito, ha precisato la componente di giunta Lucia Piu, intervenuta in rappresentanza della Camera nell’appuntamento udinese, è il 4° paese di esportazione per l’Italia ed è il sesto per il Friuli Venezia Giulia. Come ha poi evidenziato Roberto Luongo, il direttore generale Ice – fino a poco fa proprio direttore dell’Ice-Londra e quindi particolarmente esperto del tema Brexit –, «vi sono circa 43 mila imprese italiane che esportano in Uk e sono quasi esclusivamente imprese piccole e medie». Quanto all’export, per il Fvg si è già registrato un piccolo calo: si è passati dai 731 milioni di export registrati nel 2017 ai 723 nel 2018.

«Come Ice abbiamo studiato diversi scenari a seconda della modalità di uscita e in caso di no deal o uscita disordinata, l’effetto calcolato sarebbe una perdita di 4,5 miliardi di export difficilmente riassorbibili da altri mercati». E i settori economici italiani coinvolti sono numerosi e “di peso”: oltre ai già citati mobili e alla meccanica, tutta la componentistica auto motive, l’innovazione, il fashion, ma anche i vini, per cui la Gran Bretagna è addirittura il terzo mercato mondiale, concentrandoci sul Fvg.

L’Ice resta al momento punto di riferimento fondamentale per le imprese e ha già studiato l’avvio di un Desk di informazione e orientamento, che sarà attivato subito dopo l’uscita effettiva, quindi dopo il 29 marzo 2019. «Ice inoltre ha avviato una serie di collaborazioni sui singoli settori e coordina tutte le iniziative di promozione dei prodotti italiani in Uk affinché le imprese italiane possano continuare a operare con successo su questo fondamentale mercato». Ad approfondire tutti gli aspetti pratici a livello doganale sono stati il responsabile dell’agenzia delle dogane di Udine Giovanni Muro e quindi i funzionari Cinzia Grassani (sulle semplificazioni all’export come il sistema degli esportatori registrati e lo status di esportatore autorizzato), Daniele Candolini e Olivo Pascoli (sull’impatto della Brexit nel settore delle accise).