Al momento stai visualizzando “L’Isola dei Giganti e i tesori del Sinis” da venerdì 17 giugno a Cividale: tre giorni tra conferenze, degustazioni ed esposizioni
Giganti di Mont'e Prama - Museo Cabras (foto Nicola Castangia)

“L’Isola dei Giganti e i tesori del Sinis” da venerdì 17 giugno a Cividale: tre giorni tra conferenze, degustazioni ed esposizioni

Archeologia, cultura, enogastronomia. Questi gli ingredienti principali della tre giorni che, a Cividale del Friuli, vedrà protagonista la Sardegna e in particolare il sistema Sinis-Mont’e Prama. In programma, dal 17 al 19 giugno, mostre, conferenze e la degustazione di prodotti tipici. La rassegna, dal titolo “L’Isola dei Giganti e i tesori del Sinis”, rientra in un accordo siglato tra la Fondazione Mont’e Prama e la Fondazione de Claricini Dornpacher, che vedrà in autunno i friulani in Sardegna, esporre le proprie eccellenze a Cabras, in provincia di Oristano.

Fitto il programma dell’evento organizzato in collaborazione col Gal Sinis, i comuni di Cabras (OR), i comuni di Cividale del Friuli, Moimacco e Premariacco, il Museo Archeologico Nazionale di Cividale ed il Crp-Sardegna e la Federazione delle Associazioni Sarde in Italia.

 Si inizia venerdì 17 giugno alle 16,30, in piazza Foro Giulio Cesare, a Cividale, con l’apertura degli stand a cura del Gal-Sinis, nei quali sarà possibile degustare i prodotti tipici del Sinis. Si proseguirà alle 18 con l’inaugurazione della mostra “L’Isola dei Giganti e i Tesori del Sinis” a cura della Fondazione Mont’e Prama presso il Museo Archeologico Nazionale di Cividale. Sarà questa l’occasione per conoscere più da vicino l’importante realtà archeologica dei Giganti di Mont’e Prama, antiche sculture risalenti all’età nuragica ritrovate casualmente negli anni Settanta – e poi in seguito nel corso di alcune campagne di scavi – nella Sardegna Centro occidentale. Le statue, di un’altezza compresa fra i due e i due metri e mezzo, sono state scolpite a tutto tondo a partire da un unico blocco di arenaria gessosa e raffigurano arcieri, guerrieri e pugilatori. Si tratta in totale di 27 statue antropomorfe, 16 modelli di nuraghe e altri reperti. 

Sabato 18, al Museo Archeologico Nazionale di Cividale, alle 10,30, una conferenza dal titolo “Il Sinis e i suoi tesori archeologici”. Sempre dalle 10,30 in piazza Giulio Cesare, spazio alle degustazioni dei prodotti sardi sino alle 15.30. Alle 17.30 ancora degustazioni, ma alla Villa de Claricini  Dornpacher, a Bottenicco, dove alle 21.30 si terrà uno spettacolo teatrale dal titolo “I Giganti di Pietra”.

Domenica 19, dalle 10, apertura degli stand per conoscere i prodotti del Sinis a Villa de Claricini  Dornpacher, a Bottenicco. A seguire, dalle 13.30, è in programma un pranzo a base di prodotti sardi.

Tutte le degustazioni saranno curate dallo chef Pierluigi Fais del ristorante Josto di Cagliari, presente con un suo stand. Tra gli espositori, alcune delle più importanti aziende agroalimentari del Sinis: Azienda Vinicola Contini (vini), Sa Marigosa (agroalimentare), Oleificio Corrias (Olio), Tenute Evaristiano (Vini). Uno stand anche per Gal e Fondazione Mont’e Prama per promuovere il Sinis e le sue eccellenze archeologiche, naturalistiche ed enogastronomiche.

Tutti gli appuntamenti sono aperti al pubblico e a ingresso libero.

 “Proseguono le attività di scambio culturale e promozione delle eccellenze del Sinis – spiega Anthony Muroni, presidente della Fondazione Mont’e Prama – siamo soddisfatti della importante collaborazione con la Fondazione de Claricini che ci offre la possibilità di avere un’importante vetrina nel Nord-Est, in una cittadina Unesco, ricca di storia e beni culturali come Cividale”.

“Intessere rapporti e nuove relazioni istituzionali con altre straordinarie realtà culturali del panorama nazionale come quella di Cividale è di rilievo per la mia amministrazione e di particolare interesse per lo sviluppo culturale ed economico della comunità di Cabras” afferma il sindaco di Cabras Andrea Abis.

“Si consolida la nostra collaborazione con la Fondazione Mont’e Prama all’insegna della promozione e valorizzazione della cultura e dei prodotti tipici del Sinis”, spiega Alessandro Murana, presidente del Gal Sinis. “L’iniziativa – dice il direttore del Gal Cristiano Deiana – ha lo scopo di garantire la promozione della “Destinazione Sinis” e di favorire la mobilità e l’ingresso delle imprese locali in nuovi mercati”.

“L’accordo di collaborazione reciproca – ribadisce il Presidente Oldino Cernoia – con la Fondazione Mont’e Prama si concretizza con un evento straordinario e di alto profilo culturale con la presenza di una mostra e conferenza sui Giganti e i tesori del Sinis nella Città di Cividale del Friuli, città Unesco per la sua storia longobarda e a Villa de Claricini Dornpacher con eventi enogastronomici e teatrali. A ottobre prossimo presenteremo anche noi i prodotti tipici del nostro territorio ma anche le testimonianze longobarde ospiti a Cabras di un territorio di grande valenza culturale e turistica “  

Anche il Sindaco di Cividale del Friuli Daniela Bernardi a nome dell’Amministrazione comunale di Cividale dichiara che “l’evento promosso dalla Fondazione de Claricini Dornpacher e dalla Fondazione Mont’e Prama dimostra come iniziative reciproche di alto profilo sono un esempio di sviluppo dei rispettivi territori”.