Al momento stai visualizzando Gli “inventori” del circo contemporaneo per la prima volta a Udine, con Terminal il 25 giugno
Le G. Bistaki con il loro spettacolo The Bain(na) attesi a Udine il 25 giugno © Gregoire Edouard

Gli “inventori” del circo contemporaneo per la prima volta a Udine, con Terminal il 25 giugno

È un collettivo francese di danzatori e giocolieri che si è formato 16 anni fa per stravolgere la propria quotidianità artistica e scenica innovando ricerca e rappresentazione. Stiamo parlando de Le G. Bistaki, considerati i “papà” del circo contemporaneo in Europa che per la prima volta in assoluto arrivano a Udine (sabato 25 giugno, alle 21, sul prato del parco Moretti) nell’ambito di Terminal, Festival dell’arte in strada con il loro Baïna[na]. Il collettivo francese con questo spettacolo si appropria ancora una volta dello spazio pubblico per tracciare un affresco sociale stridente, onirico e assurdo del mondo contemporaneo. Vestiti con costumi bianchi e armati di pale da neve e mais, come spunti di riflessione, questi quattro uomini inviteranno il pubblico ad attraversare spazio e tempo in un sorprendente viaggio coreografico e musicale. Immagini obsolete, futuristiche o fantastiche si fonderanno per dare allo spettatore una visione della società. La scenografia è alimentata dall’architettura del luogo: semplice, imponente e in evoluzione, disegna un mondo surreale in un luogo comune. A metà tra il mondo circense e quello della danza, il linguaggio di Le G. Bistaki si colloca all’incrocio delle arti e offre un incontro di discipline. L’uso della giocoleria, del teatro o della danza alimenta un linguaggio comune che dà vita a situazioni talvolta folli e spesso assurde in cui prevalgono la derisione e la risata.

TUTTO IL PROGRAMMA DEL 25 GIUGNO – Baïna[na] non sarà l’unico evento impedibile della giornata di sabato 25 giugno che comincerà già dal mattino con Udine Memory Experience, un percorso multimediale organizzato in collaborazione con Contaminazioni Digitali, uno degli altri festival della rete Intersezioni (dalle 10 alle 11.30 e dalle 17.30 alle 19.30, ogni 8 minuti, con ritrovo in via Giuseppe Verdi, fronte porta Manin). Immancabile un appuntamento che rima con Terminal: Audiobus, il viaggio onirico sui bus della linea urbana. La partenza è prevista alle 15, 16 e 17 dall’infopoint che si troverà sempre al parco Moretti. Nel frattempo, alle 16, con ritrovo all’infopoint di Parco Moretti, ci saranno le sfide circensi dedicate ai piccoli della scuola primaria: “KeepUp at the Park!” (sotto gli otto anni si richiede la presenza di almeno un accompagnatore). Alle 17, sul prato ci sarà “Fuori”, spettacolo degli allievi del 1° anno della scuola di circo FLIC di Torino. Alle 18 un nuovo appuntamento con la performance collettiva #Postcardsfromeverywhere di Giulia Bean. In contemporanea, ma dentro il tendone, si terrà invece lo spettacolo “Gretel” di Clara Storti, parte del progetto internazionale “SOLO BUT NOT ALONE – focus Italy”. Alle 18.30, sul prato, replica di “Trio Diablo” di Tete beche, mentre alle 20, si tornerà sotto il tendone con un altro degli spettacoli parte di “SOLO BUT NOT ALONE – focus Italy”: “Tangle” di Francesca Mari. Dopo il già citato “Baïna[na]”, la giornata si chiuderà in musica, alle 22, con Savoy Hard che mixeranno house e italo-disco!

IL FESTIVAL 2022– Quest’anno Terminal, ideato da Circo all’inCirca e Puntozero, ha ricevuto il sostegno della Regione Fvg, della Fondazione Friuli, dell’assessorato alla Cultura del Comune di Udine, PromoturismoFVG. MiC. Hanno collaborano alla sua realizzazione: associazione Arearea, Brocante, Bufeto, Quarantasettezeroquattro, Magda Clan, MismoNismo, Dinamica, QuattroX4, rete culturale Intersezioni.

Info su: www.terminal-festival.com | Facebook | Instagram |