Al momento stai visualizzando La Compagnia LeBrugole&co propone la prova aperta di ‘LUNGS’ a Gorizia

La Compagnia LeBrugole&co propone la prova aperta di ‘LUNGS’ a Gorizia

  • Categoria dell'articolo:Gorizia
  • Autore dell'articolo:

ARTEFICI. Residenze creative FVG

La Compagnia LeBrugole&co propone la prova aperta di ‘LUNGS’

Domenica 23 dicembre 2018, alle 19 nella Sala Ridotto del Teatro Verdi di Gorizia – Ingresso gratuito

Con il progetto ARTEFICI. Residenze creative FVG ArtistiAssociati mette in dialogo artisti e compagnie italiani e internazionali delle arti performative (in particolare teatro e danza) con il territorio goriziano attraverso la pratica della residenza artistica e, successivamente, con la restituzione e lo scambio degli artisti con il pubblico.

Domenica 23 dicembre 2018, alle 19, nella sala Ridotto del teatro Verdi di Gorizia con ingresso gratuito, la compagnia LeBrugole&co proporrà la prova aperta di ‘Lungs’ di Duncan Macmillan, per la traduzione di Matteo Colombo e la regia di Federico Grazzini. Interpreti Annagaia Marchioro (nella foto) e Pietro Traldi.

LUNGS (in italiano “POLMONI”) di Duncan Macmillan è una pièce inglese, che ha avuto grande successo sulla scena britannica, ed è stato rappresentato al Nathionl theatre di Londra.

In scena due protagonisti, lui e lei, entrambi trentenni ed innamorati, entrambi spaventati dal diventare adulti, dal diventare genitori, entrambi impreparati a confrontarsi con quella grande avventura che si chiama vita. Una storia d’amore che scorre davanti agli occhi degli spettatori ad un ritmo serratissimo, dialoghi vertiginosi e battute mai scontate. E traghetta lo spettatore nel vivo di questa relazione, fino alla fine. LUNGS – POLMONI è insomma un testo tutto d’un fiato, ed allo stesso tempo un testo che richiede un grande fiato per portarlo a termine. La scrittura di Macmillan è innovativa, divertente, rapida, tagliente, contemporanea, straziante. Il grande tema della maternità e della paternità accompagna come un filo rosso tutta la vicenda. La paura di mettere al mondo un figlio, di non essere all’altezza dei propri padri, di non essere abbastanza vecchi o abbastanza giovani, di non essere abbastanza ecologici o abbastanza ricchi. Quella paura di vivere e di sbagliare che è un sentimento così diffuso tra le ultime generazioni, ma che è anche così universale.

Martina Apollonio

Martina Apollonio
Ufficio Stampa